lunedì 25 febbraio 2013

We saw your purple-helmeted warrior of love

Ieri sera c'è stata la premiazione degli Oscar. In Italia ha avuto poca eco quest'anno perché si è svolta in coincidenza con le elezioni. Elezioni che hanno visto un'azione delle Femen contro Berlusconi. Ogni collettivo ha le proprie modalità, la modalità Femen è la protesta a seno scoperto, si scriveva delle ragioni del topless esattamente un anno fa. Quindi non è della loro modalità di protesta che mi voglio occupare, anzi do loro anche io il mio sostegno, per come sono state trattate dalla polizia, nemmeno fossero delle terroriste. E certo è che in Italia c'è anche la doppia morale come si rileva qui.
Ma le tette, i seni, la nudità delle donne, a scopo politico o no, sembra siano qualcosa di sconvolgente anche altrove. Qualcosa da usare per mettere alla berlina le persone. Concentrare tutti gli sforzi su Berlusconi, come se eliminato lui si eliminasse il maggiore agente del sessismo mondiale - o solo locale - è uno spreco di energie, e ci fa credere di poter risolvere il problema eliminando dalla scena un solo soggetto. E' uno spreco perché uno dei momenti 'divertenti' degli Oscar, ieri, è stato dedicato proprio alle tette delle attrici, citate nome e cognome e film in cui compaiono nude, alcune delle quali sedute in sala.
La canzoncina è questa:

E' scema. Meno scema è la reazione di fastidio delle attrici messe al centro dell'attenzione per il loro corpo, durante una manifestazione che dovrebbe premiare il loro lavoro. Se l'oggettificazione non colpisse nel segno, il tipo seduto accato a Naomi Watts al secondo 0.10 non si girerebbe a guardarle proprio i seni.

Facciamo la solita prova, ribaltiamo e vediamo l'effetto che fa al maschile. Ovviamente non essendo una musicista probabilmente non c'ho preso con la metrica, non mi ci sono nemmeno applicata:

We saw your purple-helmeted warrior of love

We saw your prick
We saw your quiver bone
In the movie that we saw
We saw your short arm

Michael Fassbender, we saw your dickie in Shame
Billy Crudup, in Watchmen
Christian Bale, we saw your flesh flute in Metroland
They made us feel excited and alive

Jeremy Irons, we saw your cum gun in Damage
Richard Gere, we saw him in Breathless
Robin Williams, in The Fisher King
Viggo Mortensen, in The Indian Runner but
We haven’t seen Seth Macfarlane’s Tan Bannana at all

We saw your dragon
We saw your udge sickle
In the movie that we saw
We saw your hairy hotdog

Clive Owen, we saw your joystick  in Close My Eyes
And in Demolition man and also in The Party at Kitty and Stud's, we saw Sylvester Stallone’s
Jason Segel, we saw him in Forgetting Sarah Marshall
And Colin Farrell, we saw him in action on youporn

Michael Pitt, we saw your longfellow
Peter Sarsgaard, in Kinsey
Eric Balfour, in Lie With Me
Ed Norton, in American History X

Ewan McGregor, in Trainspotting
and Velvet Goldmine and Young Adam
…and whatever you’re shooting right now

We saw your piston …



Che effetto farebbe una canzone sui peni degli attori durante la premiazione degli Oscar?
Sarebbe quanto meno un fuori luogo.
Hai visto le tette Seth e allora?

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget